Inaudito.Le nostre città sono ormai vere e proprie zone franche di spaccio, criminalità e degrado. La vendita ed il consumo di droga – la cui gestione è spesso in mano ai cittadini stranieri – sono diventate piaghe difficili da combattere. In questo video, ben documentato dal giornalista Matteo Calì de “Il Giornale”, vi mostriamo una delle tante situazioni che turisti e fiorentini si trovano a vivere: sulle scale di piazza Santa Maria Novella e nel parcheggio della Stazione, gruppi di pusher e delinquenti fumano, adescano i passanti e utilizzano il luogo come base dell‘illegalità. Tutto questo non è più tollerabile. Occorre tornare padroni delle nostre strade, riportare la sicurezza nei quartieri e applicare il blocco navale.

Il capogruppo Fdi in Palazzo Vecchio: “Situazione al limite nei pressi del parcheggio, serve task force dei vigili Redazione Nove da Firenze 18 maggio 2021 – Droga in zona Stazione, Draghi pungola Nardella

Spaccio in Stazione a Firenze S.M.N.

Accordo tra Palazzo Vecchio e la comunità islamica. I fedeli si ritroveranno per la preghiera al PalaValenti di via Taddeo Alderotti

Da lanazione.it 6 maggio 2021

Questo pomeriggio, nel giorno del quarantesimo anniversario della sua morte, una rappresentanza militante di Casaggì e di Fratelli d’Italia ha simbolicamente intitolato la passerella della stazione di Campo di Marte al martire irlandese Bobby Sands. Già nel lontano 2014, la Commissione toponomastica di Firenze – di cui oggi sono vicepresidente – aveva accettato la richiesta di titolare una via fiorentina a Bobby Sands ma il cui atto è sempre rimasto disatteso. “Tiocfaidh ár lá” (Il nostro giorno verrà), scriveva quel ragazzo di Belfast. Oggi, in ricordo di quel motto, noi auspichiamo che l’amministrazione comunale adempia e concretizzi l‘omaggio ad un grande patriota, che lottò per la libertà, l’unità, la Repubblica l’autodeterminazione irlandesi.

Da quinewsfirenze.it “Sulla passerella spunta la targa a Bobby Sands”

Agli autisti degli scuola-bus sono state distribuite delle mascherine kn95 o ffp2 senza il marchio europeo (CE) e alcuni stock presentano un fortissimo odore di petrolio e naftalina. Chiedo che il Comune – nell’Ufficio “Gare e Appalti” eviti di acquistare altri prodotti del genere e ritiri immediatamente quelle depositate nei magazzini. Possono essere dannose per la salute dei nostri lavoratori.

Da lanazione.it “Non date agli autisti quelle mascherine”

La Commissione “Ambiente e Mobilità” di Firenze ha approvato una mozione – da me proposta – per installare panchine fotovoltaiche in varie parti della città, già diffusissime in tutta Europa. Le panchine “solari” non sono solo arredi urbani utili per ricaricare lo smartphone, ma strutture fondamentali per il monitoraggio ambientale. Infatti, possono immagazzinare l’energia e riutilizzarla di notte, garantendo un risparmio notevole. La mozione, dopo l’approvazione da parte della commissione avvenuta ieri, andrà nelle prossime settimane al voto in Consiglio comunale. Firenze deve diventare una città all’avanguardia: il nostro lavoro punta in quella direzione.

055Firenze.it 26.2.2021

In ricordo della Principessa Giorgiana Corsini che per tutta la vita ha lavorato per una Firenze ancora più bella.

La Nazione cronaca di Firenze 27.2.2021

Il 13 gennaio ho ricevuto una gratifica di tutto rispetto: sono stato nominato vicepresidente della Commissione Toponomastica del Comune di Firenze. Ringrazio il Presidente Marco Rufilli e tutti gli altri colleghi che, insieme a me, andranno a svolgere un lavoro di verifica e aggiornamento circa la numerazione, i toponimi e lo stradario della nostra città. Finalmente ci sarà la possibilità concreta di promuovere i valori, la cultura e la storia non più di una sola “certa parte” politica. L’era del cambiamento è iniziata!

Il malumore covato per diversi mesi è esploso a fine anno, la riorganizzazione della mobilità dopo l’arrivo del tram non ha soddisfatto i residenti

Il quartiere a forte vocazione residenziale è abitato da molti anziani, sono presenti scuole, palestre ed un presidio Asl, per questi motivi i cittadini si aspettavano una maggiore copertura mentre le fermate lungo il Mugnone appaiono decentrate rispetto al baricentro della zona da servire. 

La questione arriva in Consiglio comunale attraverso una interrogazione presentata da Alessandro Draghi “Per capire se l’amministrazione intenda rimediare e andare incontro ai bisogni dei residenti, soprattutto anziani”. 

Fonte: quinewsfirenze.it “Il Tram non basta ai residenti e rivogliono il bus”

A causa dell’inizio dei lavori per la nuova linea della tramvia, più di 100 parcheggi scompariranno da Viale Milton. Come può, l’amministrazione comunale, pensare ad un provvedimento del genere in una zona così abitata e frequentata?

Questa scelta, frutto della cecità di una classe dirigente lontana dalle reali esigenze quotidiane dei fiorentini, porterà sicuramente dei gravi disagi ai residenti di Via XX Settembre, Viale Milton, Via Lorenzo il Magnifico e di tutte le traverse della zona. Già adesso, trovare un parcheggio in questa zona, è un’odissea.

La raccolta firme, lanciata da me e dal consigliere di Quartiere 5 Federico Ranieri, ha l’obiettivo di evitare che l’amministrazione cancelli gli stalli presenti o che dia almeno una soluzione alternativa per Viale Milton.

Quella in atto, senza dubbio, sarebbe solo un’ulteriore mazzata alla vivibilità della città e dei fiorentini.

Per maggiori informazioni contattaci al numero: 333 5713295

Clicca Link per Raccolta di firme Viale Milton

Il Sindaco Nardella ha indetto un concorso di idee per la realizzazione di una cancellata intorno al sagrato di piazza Santo Spirito. Siamo soddisfatti, perché l’idea era nata dalle opposizioni e portata in Consiglio comunale prima con un emendamento e poi con una mozione. Il fine è quello di combattere il degrado notturno sulle scalinate di questo straordinario patrimonio artistico di Firenze. Adesso, occorrerà vigilare affinché la malamovida non si sposti altrove, causando le stesse problematiche. Federico Bussolin

FOTONOTIZIE.IT del 12.10.2020 Bussolin e Draghi:  Santo Spirito una piazza da proteggere